Art Jobs | Italy

Italy

International Exhibition "La Vita dell'Arte"

Share

Country:

City:

Date: 
Friday, July 3, 2020

"La Vita dell'Arte" is not only the theme of this exhibition, but also everyone's thought and reflection on life. With the spread of COVID19 all over the world in 2020, all those who live in our world have been affected and, in this context, the identity of the artists and works of art must be expressed in this special period. Artistic language is like poetry created by poets, like stories of novels written by writers, or songs created by composers. The artist who faces what is happening in our times, needs a pair of sensitive eyes to observe and record this era, transforming it into a unique artistic language, showing the result of his work.

In this exhibition, as curator together with Emanuele Gregolin we selected 60 works by artists from different countries of the world: United States, China, Japan, United Kingdom, France, Italy, Germany, Spain, Mexico, Turkey. In the works of these artists, the definition of art and life, art and life for the public of art is interpreted through the rich collection of works. The techniques used by the various artists involve drawing, painting, sculpture, installation, photography, video, experimental art, the art of sound and other expressive forms.

Art as a medium connects each of us together giving the opportunity to observe the artist's deep sensitivity and inner world through the observation of his work. 2020 will remain a particular year for each of us in which many things have happened: the strong pandemic, economic arrests, political fluctuations, the arrest of cultural and educational projects and everything around us is changing. However, for contemporary art, this period allows us to see some positive aspects, among which we remember: most museums and artistic activities in the world have started to conduct online exhibitions, connecting the distance between the works of art and the public of the art through the Internet and some social media have also launched an instant exhibition method on the net, which provides artists with more diverse viewing channels; for artists, the form of creation is also changing and close to the usual techniques we see network art, 3D art, interactive art, electronic art, sound art, light art, etc. We saw many things born, including the rapid rise of "Millennials" artists.

The development of art is infinitely extensive: artists can express the definition of art and the epitome of the background of the times through different creative languages. Although the artists in this exhibition come from different countries, we are using the same language: it is Art.

Pengpeng Wang

Location: 

Critic_
Maria Chiara Wang

Curators_
Emanuele Gregolin
Pengpeng Wang

Opening Event_

18 pm, 03/07/2020

18 pm, 17/07/2020

Venue_
Via Aosta 17, 20155, Milano

GEO-GRAPHIES: Identity Rituals and fragile Ecosystems

Share

Country:

City:

Date: 
Saturday, March 7, 2020

GEO-GRAPHIES: Identity Rituals and fragile Ecosystems

Curated by Dores Sacquegna

From 7 to 21 March 2020
Opening day Saturday 7 March at 17,30 h
Palmieri’s Foundation in Lecce, Italy

Opening March 7th  at 17,30h, is the contemporary art exhibition of Art Woman 2020 entitled  “ GEO-GRAPHIES: Identity Rituals and Fragile Ecosystems” curated by Dores Sacquegna and promoted by Primo Piano LivinGallery. The show is under cultural patronage of Lecce’s Municipality and held at the Renaissance church of San Sebastien, place of Palmieri Foundation in the old city. This exhibition it is a dialogue between cultures, which, specifically on World Women's Day, reflect on the contemporary world, on environmental issues, on women's rights and on the dynamics of non-acceptance towards human and cultural diversity.  Geo (earth) and Grafia (writing), is the writing of the earth, and through art - a powerful tool at the service of society, the environment and life - the artists on display, express their point of view on the world and on the relationship with others. San Sebastiano, a welcoming place from the past, confronts these new geographies, evoking its history between echoes and references, between discoveries and listening. An illustrated catalog is available.

For edition of Art Woman, twenty-seven international artists exhibit their works and testimonies, with social, environmental, identity and cultural diversity issue. A multi-voice dialogue that from Europe to Asia, from the Middle East to America, arrives in Lecce, with a multiplicity of interventions that embrace the visual arts and performance. The opening ceremony begin with the presentation of the exhibition , followed by a Conversation about Feminism ‘70s with LeoNilde Carabba, Italian artist of Black Light Art and live performance "Travesia" by Colombian artist Sandra Miranda Pattin, action that tells the journey and the pain of migrant women who, to reach a peaceful place, find death at sea.  Representing the event, two great artists of XXI century: Louise Bourgeois and LeoNilde Carabba.

On National Preview two films about the life and works of Louise Bourgeois, - thanks to Bourgeois Studio in New York. The first entitled "Partial Recall" of 1982 - Produced by and ©The Easton Foundation, NY, 1983 - regards the first main retrospective at MoMA in New York which consecrates the artist on an international level, but is also the first solo exhibition that the museum has ever dedicated to a woman. The second entitled "The Spider, The Mistress and The Tangerine" of 2008 -Produced by and © Art Kaleidoscope Foundation, NY, 2008 - is a 97minutes film,  by Marion Cajori and Amei Wallach shot over the course of 15 years. The film is an intense portrait of the French-American artist, shot following the artist, with unrivaled access. A sincere, intimate and dramatically  cinematic human journey into life, memories, emotions and genius of Louise Bourgeois, a true Icon of Modern and Contemporary Art.  Poster Photo Louise Bourgeois: Peter Bellamy.

Conversation with LeoNilde Carabba, Italian artist of Black Light Art, co-founder of the "Women's Library" in Milan in the 70s, artist and activist during the period of the "Women's Movement". Supported by great artists - such as Fontana, Chin, Crippa, Baj, Turcato, Tancredi, Fautrier, Manzoni, Christo and Jeanne Claude, Accardi - Carabba has exhibited in many place parts of the world and is present in prestigious public collections including:  Museo Sperimentale in Verucchio, Italy; Pinacoteca di Civitanova Marche; Pinacoteque in Bari, Italy; Italian-American Museum a San Francisco in USA;  The Rosicrucian Egyptian Museum in San Josè in USA; Bolivar City Museum in Venezuela; First Museum of Modern Art  in a Asyla in Morocco; Ibiza Museum of Contemporary Art in Spain; Civic Museum of Taverna in Italy, MUSPAC-Museum of Experimental At in L’Aquila, in Italy and more. An illustrated catalog is available.

The event is divided into two research sessions of which: Identity Rituals and Fragile Ecosystems. In the first corpus of works,  the evocative ancestral power of the Phoenix by Sandra Miranda Pattin; the installation on women victims of race violence by Christine Palamidessi; the fragment and the archetypal figures of children by Maria Luisa Imperiali; the identity in the era of technology with Eva Clone in augmented reality by Pey-Chwen Lin; the women of San Sebastiano by Beatrice Hansson. Fragile identities by Zhiwei Pan; literature, eros, myth by Kohlene Hendrickson and by Laetitia Ambroselli. Imaginary theaters and anthropomorphic bodies by Agnieszka Laskus, and  by Bikkel. Women's solidarity by Aristi Hadjisavva, and environmental problems about the Amazon by Sal Sidner.  Symbols, writing and archetypes, by Margot Reding-Schroeder.  In the second corpus of works about "Fragile ecosystems", the attention of the artists is focused specifically on environmental issues, such as the reduction of Arctic Ice with works by Brigitt Müeller Hunziker, or the consequences of global warming and pollution by Christel Sobke. Landscape-body and unity and fragment by Valérie Novello; extinct animals by Catherine Bercusson; relationship between man and urban space, by Tomomi Sato. All the artists on display have a good CV and works in private and public collections.

Videos by Iraqi artist Sama Alshaibi are part of the "Silsila’s series” and consisting of a total of 7 performances, made in 15 Muslim countries in the Middle East, North Africa and the Maldives islands in Southeast Asia. The artist examines the different ecosystems in the human dimensions of migration and the strength of women. She spent much of her youth as a political refugee during the Iran-Iraq war of the 1980s-'88s moving between Jordan, Saudi Arabia and the United Arab Emirates. In 2000, she became an American citizen. She taken part in several exhibitions and museum collections including the MoMa in New York. İrem Çoban - through the ritual of Turkish coffee - reflects on her origins and culture, offering its body as a container. Kacie Lees, studies natural phenomena, assembling extracts from 1902 on the study of human nature by William James and her personal vocal traces, in a dialogue between past and present. Her scientific projects have been exhibited among others at Necessary Phenomenon O'Project Space in Los Angeles, CA, at the "Feminist Ecology: Women and the Earth" at the Koehnline Museum of Art in Des Plaines, Illinois. Tanja Ravlic reflects on water as a psychic factor, while Sihui Shao about water as a purifying element, a film that recently participated in the Wuzhen International Theater Festival. Sall Lam Toro - of Papuan origin - explores the dichotomy between life and death, with allusions to the anthropocene and rituals of evoking the divine. This project was recently included in the Kunsten Modern Art Museum in Aalborg in Denmark.The exhibition promises to be interesting and full of stimuli for visitors. An illustrated catalog is available.

Sama Alshaibi (Iraq), Laetitia Ambroselli (France), Catherine Bercusson (Uk), Bikkel Artist (The Netherlands), LeoNilde Carabba (Italy), Pey-Chwen Lin (Taiwan), İrem Çoban (Turkey), Aristi Hadjisavva (Cyprus), Beatrice Hansson (Sweden), Kohlene Hendrickson (Switzerland), Maria Luisa Imperiali (Italy), Agnieszka Laskus (Poland), Kacie Lees (Usa), Daria Makarenko (Russia), Brigitt Müller Hunziker (Switzerland), Valérie Novello (France),  Christine Palamidessi (Usa), Zhiwei Pan (China), Sandra Miranda Pattin (Columbia), Tanja Ravlic (Croatia), Margot Reding-Schroeder (Gr.Ducky of Luxembourg),  Tomomi Sato (Japan),  Sihui Shao(China), Sal Sidner (Usa), Christel Sobke (Germany), Sall Lam Toro (Portugal).

Location: 

 Palmieri's Foundation, Vico De Sotterranei, Lecce

Rhythm And Art

Share

Country:

City:

Date: 
Thursday, February 27, 2020

RITMO E ARTE

L'Associazione Dictinne Bobok apre la registrazione per il concorso d'arte Rhythm and Art.

L'Associazione Dictinne Bobok presieduta da Marisa Russo ha lo scopo di perseguire il percorso artistico di Ginevra Buzzetta Russo, che è stato interrotto in modo precoce. Un'insegnante dell'Accademia di Belle Arti di Firenze ha chiamato il suo treno di corsa Per Ginevra vogliamo marciare sulle tracce dell'arte e incoraggiare una vivace creatività.

TEMA

Il tema è Rhythm and Art. Ritmo significa la successione di accenti che prevedono variazioni e dissonanze. Un susseguirsi di regole e trasgressioni, nell'arte, nella musica, nella danza, nella poesia. Tutti i suoni e i colori prevedono ritmi e pause. Wagner considera la poesia, la pittura, la musica, i componenti di una singola espressione. Kandisky pensa che la pittura sia molto simile alla musica, capace di trasmettere emozioni in modo astratto e lontano dalla realtà: il giallo è paragonabile al suono di una tromba; blu al suono di un flauto; rosso al suono di una tuba; verde al violino ... Apri le orecchie alla musica, gli occhi alla pittura e ... smetti di pensare (V. Kandisky)

MODO DI PARTECIPAZIONE

Possono applicare artisti di qualsiasi nazionalità, non ci sono limiti di età;

La dimensione richiesta dell'opera d'arte è di minimo 30x40 cm e massimo 60x80 cm;

L'opera d'arte registrata deve essere un'opera dell'artista. L'artista deve essere il proprietario di tutti i diritti d'autore. Sono ammesse tutte le forme d'arte e le tecniche artistiche bidimensionali.

Non sono consentite opere pornografiche, razziste o eticamente inaccettabili. La giuria si riserva il diritto di rifiutare un'opera che non ritenga appropriata al concorso;

Ogni artista può presentare tutte le opere che desidera. L'artista deve compilare un modulo e pagare la quota di € 30,00 per ogni opera d'arte: banca Intesa Sanpaolo - IBAN IT73M0306967684511746410703 motivo del pagamento: “Premio Rhythm and art 2020” -

scadenza registrazione: 29 febbraio 2020 ;

La registrazione deve essere inviata all'indirizzo e-mail: tesorosamai@gmail.com ;

Le opere fanno parte di una mostra collettiva " Rhythm and Art ". Devono essere inviati alla galleria (indirizzo: Via Nicolo Garzilli 28, 90135 Palermo) entro il 15 marzo;

Tra le opere esposte verrà decretato un vincitore; il vincitore riceverà una mostra personale di una settimana come premio da concordare con la Galleria;

Le spese di trasporto sono a carico degli artisti;

I servizi offerti dalla Galleria sono i seguenti:

-supporto del personale di vendita;

-etichettatura delle opere esposte;

- poster digitale e cartaceo del Collettivo;

-catalogo con una breve biografia dell'artista e una foto dell'opera;

Durante la mostra ci sarà un voto del pubblico che partecipa alla mostra e un voto sui social network (Instagram e Linkedin);

Le opere esposte possono essere vendute con l'autorizzazione dell'artista, che deve fornire le informazioni da trasmettere. L'intero prezzo di vendita va all'artista. La Galleria non applica commissioni per questo servizio.

È definito quanto segue:

L'artista accetta questi termini e condizioni con la sua registrazione;

L'artista dichiara con la sua registrazione di essere l'autore dell'opera registrata e di non aver fatto una copia di un'opera di un altro artista;

Il copyright dell'opera d'arte rimane sempre con l'artista, tuttavia la Galleria ha il diritto di pubblicare l'opera d'arte sul suo web o su tutte le piattaforme di social media e di usarla per la stampa;

I risultati della votazione online saranno divulgati ma non influenzeranno i premi della giuria;

In case of difference between the translation of the General Contract Conditions and the Italian text, it will be valid in the Italian version.

APPLICATION FORM INTERNATIONAL ARTISTIC AWARD

“RHYTHM AND ART”

THE UNDERSIGNED (block letters) …....................................................................................…...........

ADDRESS.............................................................................….......................................................

PHONE........................................................................Email ….......................................................

accepts all the articles of the regulation of the International Artistic Award “RHYTHM AND ART” 2020 Edition, communicate participation and notify the sending of the following photos of works:

N°: .................................................

TITOLI: .........................................

TECNICA:...............................

FIRMA DELL'AUTORE ... ............................................. .............................

Informazioni per la tutela della privacy (Regolamento generale sulla protezione dei dati n. 2016/679) -

Prendo atto delle informazioni e acconsento al trattamento dei dati, compresa la trasmissione a case editrici per rapporti di merito. Allego a questo modulo di registrazione:

un'immagine per ogni opera in concorso;

una breve biografia:

una descrizione dell'opera con titolo, dimensioni, tecnica;

copia del pagamento effettuato di Euro 30,00 per ogni opera in concorso.

DATA ...........................................

FIRMA.......................................

 

Location: 

Via Nicolo Garzilli, 28 90135 Palermo- (Sicilia) -

FONTE D'ISPIRAZIONE

Share

Country:

City:

Date: 
Thursday, February 20, 2020

FONTE D'ISPIRAZIONE

Aperte le iscrizioni alla Mostra Collettiva d'Arte indetto dall'Associzione Dictinne Bobok che presieduta da Marisa Russo, ha come obiettivo quello di proseguire il percorso artistico intrapreso da Ginevra Buzzetta Russo e precocemente interrotto. Per lei, definita da una sua insegnante dell'Accademia di Belle Arti di Firenze Treno in corsa, vogliamo marciare sui binari dell'Arte ed essere di stimolo ad una sempre vivace creativita'.

TEMA

“Dagli occhi delle donne derivo la mia dottrina: essi brillano ancora del vero fuoco di Prometeo, sono i libri, le arti, le accademie che mostrano, contengono e nutrono il mondo” (William Shakespeare).

Potrremo essere ancora le donne Muse ispiratrici? Come nel passato ispirare le poesie ai poeti e l'arte ai pittori e scultori dei nostri tempi? Raffaello con la sua Fornarina, Andrea del Sarto con la sua Lucrezia, senza dimenticare Rubens, Bonnard, Renoir, Charles Blackman, Gustav Klimt e tanti altri artisti e poeti che si sono ispirati alle donne che incrociavano il loro cammino e ne hanno subito il fascino.

La femminilita' e' uno tra gli aspetti umani piu' discussi al mondo: con amore o diffidenza, con erotismo o malinconia, con poesia o violenza, attraversa l'umanita' anche nella parte femminile dell'uomo! L'anima testimonia la non appartenenza ad un genere prefissato ma viene continuamente contaminata. Vogliamo che l'artista metta in luce questo aspetto: “il lato femminile (Ying) non è prerogativa assoluta della donna, ma componente piu' o meno latente anche degli uomini “ (Edyth Cristofaro).

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono candidarsi tutti gli artisti di qualsiasi nazionalità, non ci sono limiti di età;

La dimensione richiesta dell'opera d'arte è massimo cm 60x80, minimo cm 30x40;

L'opera non deve avere la cornice ma è concesso solo un listello o nulla, c;

L'opera d'arte registrata deve essere un'opera dell'artista, proprietario altresì dei diritti d'autore. Sono ammesse tutte le forme d'arte bidimensionali e le tecniche artistiche;

Non sono ammesse opere pornografiche, razziste o eticamente inaccettabili. La giuria si riserva la facoltà di respingere un'opera che non ritiene congrua al contest;

Inviare il modulo di iscrizione, un testo descrittivo dell'opera e una foto dell'opera entro e non oltre il 20 Febbraio '20 all'indirizzo mail: tesorosamai@gmail.com ;

Entro il 22 Febbraio daremo conferma agli artisti selezionati; Gli artisti partecipanti potranno eseguire il bonifico Banca Intesa SanPaolo mastercard intestata a Russo Marisa, causale del versamento: Fonte d'Ispirazione;

Entro il 28 Febbraio le opere selezionate dovranno pervenire in Galleria Dictinne Bobok via Nicolo' Garzilli 28, 90141 Palermo;

Le opere esposte saranno pubblicate in un Catalogo della Galleria Dictinne Bobok;

Le spese di trasporto saranno a carico degli artisti;

I servizi offerti dalla Galleria sono i seguenti:

-supporto del personale di vendita;

-etichettatura delle opere esposte;

-locandina digitale e cartacea della Collettiva;

-vernissage augurale in galleria;

Le opere in esposizione possono essere vendute con l'autorizzazione dell'artista. In particolare ogni artista puo' dirci quali informazioni su di lui possono essere trasmesse e quali no.

Si determina quanto segue:

L'artista accetta questi termini e condizioni con la sua registrazione;

L'artista dichiara con la sua registrazione di essere l'autore dell'opera d'arte registrata e di non evere fatto copia di un'opera di un altro artista;

Il diritto d'autore dell'opera d'arte rimane sempre all'artista, la Galleria ha tuttavia il diritto di pubblicare l'opera d'arte sul proprio web o su tutte le piattaforme di social media e di utilizzarla per la stampa.

Location: 

Palermo- Via Nicolo Garzilli, 28 - 90135 palermo

È>mc2 WELCOME TO THE PARADISE

Share

Country:

City:

Date: 
Thursday, January 23, 2020

MA-EC apre il 2020 con la mostra personale di Afran: giovedì 23 gennaio verrà inaugurata È>mc2  WELCOME TO THE PARADISE in Palazzo Durini.

Si snoderà nelle 3 sale della MA-EC Gallery come un simposio che include dipinti, sculture e installazioni.

Nella prima sala verranno esposti degli acrilici su tela che raccontano in modo ironico e surreale i paradossi e le prospettive raggiunte da un mondo in costante mutazione. Negli ultimi anni, il progresso tecnologico e gli sviluppi dei social media hanno avuto un impatto molto incisivo nelle nostre società migliorandole su tanti aspetti. I dipinti presentati si propongono in modo ludico di indagare sulle degenerazioni possibili. Uno degli aspetti messo sotto la lente  è l'estrema attenzione o meglio l' ossessione per il bello, l'immagine, l'apparire. I nostri social sono invasi da immagini sempre più belle... Se fosse stata quella la bellezza di cui parlava Dostoevskij, il nostro mondo sarebbe da  tempo in salvo.

In anteprima sarà visibile una scultura raffigurante un animale fantastico: Il SARTROPODE. Scultura nata dall'incrocio fra una macchina da cucire e un ragno.
 

Il percorso prosegue con È>mc2 , installazione di quadri circolari che richiamano la forma dei pianeti.

È>mc2 oltre a fare allusione all'ambiente e al risparmio energetico, racconta anche del fenomeno della post verità.  Scrive su questa opera il critico Luca Beatrice: “Negli ultimi decenni la geografia dell’arte è profondamente cambiata. Se da una parte il concetto di “local” ha perduto il fascino che lo caratterizzava negli anni Ottanta, ora le città occidentali sono diventate il punto di raccolta di esperienze provenienti da più parti del mondo. New York, Londra, Berlino, Parigi, Milano risultano quindi identità poliformi che si vanno compiendo attraverso la somma di molteplici linguaggi. Ciò che non riesce alla società, tanto meno alla politica, trova terreno fertile nell’arte e nella cultura, là dove scambi, interazioni, integrazioni, sono all’ordine del giorno. Ricercando un elemento che faccia da ponte tra due culture tanto diverse, Afran ha trovato la risposta nel jeans, poiché la stoffa denim è tra i simboli più eloquenti per raccontare le contraddizioni e la complessità della nostra epoca. Una specie di piattaforma in cui ognuno può plasmare la propria identità. Una specie di grado zero.

Il titolo di questa installazione di Afran cita l’equazione di Einstein: È>mc2, Energia uguale massa per velocità al quadrato. “L'energia -dice Afran- è senza alcun dubbio uno dei temi più urgenti nel nuovo secolo. Dalla gestione delle energie fossili alla ricerca di alternative più sostenibili, l'unica certezza è l'urgenza di considerare il risparmio energetico. L'energia richiesta al nostro pianeta è di gran lunga superiore a quanto esso ci possa offrire. Ma l'aspetto ambientale è soltanto una delle chiavi di lettura dell’opera. Dopo la teorizzazione del postmoderno e della modernità liquida, la post verità è oggi una realtà innegabile. Che sia scientifica o storica, non esiste più nessuna verità che sia al riparo dal sospetto. Neanche i fatti di cronaca con l'avvento delle fake news riescono a sottrarsi. Dall'efficienza dei vaccini alla forma della terra, le teorie complottiste mettono in discussione qualsiasi certezza o traguardo. Allo stesso tempo, chiunque dal pulpito del diritto di espressione, può avanzare le sue teorie, autorevoli né più né meno come un'opinione e diffonderle gratuitamente attraverso i social come verità inconfutabili: tutto e/è il contrario di tutto. Il jeans diviene, allora, l'espressione figurata più eloquente di questo concetto: casual è l'abbigliamento, casual la prassi. Grazie a una "democratizzazione della verità", chiunque può dubitare o rimettere in discussione qualsiasi teorema matematico... Perché non È>mc2?”. 

La mostra si conclude nell'ultima sala della Galleria con uno sguardo positivo verso il futuro. Sarà infatti lì esposta l’opera Blue panther che simboleggia l'energia, la forza e le potenzialità della nostra contemporaneità.

All’inaugurazione sarà presente l’artista.

Afran, Francis Nathan Abiamba, nasce a Bidjap, in Camerun nel 1987. Attualmente vive e lavora in provincia di Lecco. Dopo aver frequentato l’Istituto di Formazione Artistica di Mbalmayo, si diploma in ceramica. Coltiva la pittura, sua grande passione, presso gli atelier dei più grandi pittori camerunesi e congolesi. Nel 2006 prosegue il suo percorso nell’arte contemporanea grazie a Salvatore Falci, professore di arti visive all’Accademia di Belle Arti Carrara di Bergamo. Dopo vari concorsi ed esposizioni collettive, nel 2008 presenta la sua prima personale al Centro Culturale Spagnolo di Bata, in Guinea Equatoriale, terra nella quale si era recato alla ricerca delle sue radici. Da lì seguono numerose esposizioni sia collettive sia personali in Europa e in America. Tra le tante, citiamo la mostra alla Triennale di Milano e Involucrum, solo show a cura di Angela Madesani presso la MA-EC Gallery nel 2017. Ha partecipato a progetti culturali e ricevuto premi e riconoscimenti, tra cui il Premio San Fedele e il Premio Liliana Nocera alla Permanente di Milano.

Afran è un artista della Galleria MA-EC di Milano e nel 2019 è stato selezionato per Pei’s World. A brief history of a Chinese gallery in Italy, la mostra a cura di Luca Beatrice che si è tenuta all’Arsenale di Venezia nel periodo della Biennale.

Coordinate mostra:

Titolo:  È>mc2  WELCOME TO THE PARADISE

              Mostra personale di Afran

              Testo critico di Luca Beatrice

Sede: MA-EC - Milan Art & Events Center, Palazzo Durini, Via Santa Maria Valle, 2, Milano 

Inaugurazione: giovedì 23 gennaio  ore 18:30 – 21:00

Date: dal 23 gennaio al 15 febbraio 2020

Orari: da martedì a venerdì ore 10-13 e 15-19 / sabato ore 15-19

Info pubblico: info.milanart@gmail.com

www.ma-ec.it

Location: 

Milan Art & Events Center MA-EC Gallery

Let's meet in Shanghai: il ricamo Gu

Share

Country:

City:

Date: 
Monday, December 9, 2019

Progetto a cura di: Shanghai United Media Group

Con il patrocinio di: Shanghai Daily, People’s Government of Songjiang District, Shanghai, Milano Zhejiang China Friendship Association Onlus

Si ringrazia: Shanghai Promotion Center for City of Design, MNC Communications Club, UFI FILTERS

Il prossimo lunedì 9 dicembre MA-EC ospita nella sede milanese Let’s meet in Shanghai

Il ricamo Gu, esposizione promossa dal People’s Government of Songjiang District, Shanghai.

Si tratta di un progetto del Shanghai Daily Multinational Corporate Communication Club, prestigioso ente nato nel 2014 che si compone di più di 400 aziende multinazionali con sede a Shanghai, provenienti dagli Stati Uniti, Germania, Francia, Italia, Svizzera, Gran Bretagna.

Alla cerimonia di inaugurazione saranno presenti Jin Xingming, vice presidente di Shanghai Committee of the Chinese People’s Consultative Conference, Song Xuefeng, console generale del Consolato cinese a Milano, Chen Qiwei, general manager del The Shanghai United Media Group e altri illustri ospiti provenienti dalla Cina e dall'Italia.

Per celebrare il 40° anniversario del gemellaggio tra Milano e Shanghai, Shanghai porta nella capitale della moda otto splendidi esempi di opere realizzate con la tecnica del ricamo Gu.

I soggetti esposti in mostra sono fiori, pesci, scene di pesca, figure umane.

Il ricamo Gu, citato anche nella antiche cronache di Songjiang.  è una delle arti tradizionali di Shanghai più preziose. Si caratterizza per il processo con cui si ricama, dove l’ago viene utilizzato come un pennello, e il filo come inchiostro. Il ricamo Gu è anche l’unico genere a prendere il nome da una famiglia. Dal 1559 d.C., trentottesimo anno di regno dell’imperatore Jiajing della Dinastia Ming, tre donne della famiglia Gu di Songjiang (Jinshimeng, Han Ximeng e la Lanyu) hanno creato, messo a punto e diffuso questo stile. Dopo più 400 anni, in cui questa eredità ha conosciuto momenti di prosperità e di declino, ha trovato ora una maggiore stabilità.

Il distretto di Songjiang ha rilanciato il ricamo Gu nel secolo scorso, con oltre 20 eredi di questa raffinata tecnica che è apprezzata non solo in Asia ma anche in Europa e Nord America.

Il ricamo Gu viene anche chiamato “Ricamo pittorico”. La scuola d’arte di Songjiang ha dato forma ad uno stile artistico caratterizzato da elementi estetici provenienti sia dalla pittura che dal ricamo.

Poiché l’arte del ricamo Gu è stata trasmessa solo alle donne, oggi sono rimaste in poche a conoscerne i segreti. Un pezzo ricamato secondo lo stile Gu di circa 50 cm di diametro necessita di circa dieci mesi per essere completato, per questo motivo sono tanto rari. Inoltre, i lavori di ricamo Gu sono venduti in Cina, ma non sul mercato internazionale, per questo motivo sono considerati un tesoro di inestimabile valore. Recentemente, un ricamo in stile Gu è stato battuto ad un’asta oltreoceano per più di 300.000 yuan a favore di un cinese di discendenza tedesca.

Nel maggio 2006, il ricamo Gu è stato incluso nel patrimonio culturale immateriale nazionale.

Durante la serata di inaugurazione, saranno presenti Zhang Li, artista di ricamo in stile Gu, e due performer di musica folk di Jiangnan, che eseguiranno brani con flauto ed erhu, una tipologia di fidula cinese munita di due corde.

Zhang Li, 36 anni, realizzerà un versione ricamata del "Painting of Peony", un dipinto della Dinastia Song meridionale (1127-1279) che ora è conservato nel Museo del Palazzo di Pechino. Una difficoltà nel suo ricamo sono i petali sovrapposti, che richiedono vari metodi di cucitura. Zhang Li si è formata a Songjiang e realizza ricami da 17 anni. Rivela di sentirsi molto onorata di mostrare il suo lavoro nella capitale della moda e si augura che il pubblico italiano possa restare affascinato dalla cultura tradizionale cinese.

 

Coordinate mostra:

Titolo:  Let’s meet in Shanghai

              Il ricamo Gu

Sede: MA-EC - Milan Art & Events Center, Palazzo Durini, Via Santa Maria Valle, 2, Milano 

Inaugurazione: lunedì 9 dicembre ore 15.00

Date: dal 9 al 15 dicembre 2019

Orari: da martedì a venerdì ore 10-13 e 15-19 / sabato ore 15-19

Info pubblico: info.milanart@gmail.com

www.ma-ec.it

Location: 

MA-EC Gallery

Via Santa Maria Valle, 2

20123 Milano

Pages

Subscribe to Italy